Tipi di allergie

Le allergie sono classificate in allergie mediate da IgE e non mediate da IgE.

Allergia mediata da IgE

Nell'allergia mediata da IgE il sistema immunitario produce grandi quantità di una classe di anticorpi noti come anticorpi IgE che sono specifici per il particolare allergene incriminato. Questi anticorpi IgE si legano alla superficie delle cellule del corpo chiamate “mastociti” che diventano sensibilizzate alle IgE. Queste cellule possono quindi identificare particolari allergeni la prossima volta che entrano in contatto con il corpo. Questo processo è chiamato sensibilizzazione e in questa fase non ci sono fisici sintomi di un'allergia.

I mastociti sono presenti nella pelle, negli occhi, nel naso, nella bocca, nella gola, nello stomaco e nell'intestino. La prossima volta che entriamo in contatto con lo stesso allergene, i mastociti lo identificano come un nemico e producono istamina e altre sostanze chimiche. Il rilascio di queste sostanze dai mastociti induce i sintomi allergici. Nel naso il rilascio di istamina provoca sintomi di naso che cola, prurito al naso, starnuti che sono comunemente associati a prurito agli occhi rossi.

Nella pelle i sintomi includono arrossamento e orticaria. Nelle vie respiratorie le allergie causano respiro sibilante, tosse e mancanza di respiro, mentre nell'intestino possono manifestarsi sintomi quali fastidio addominale, nausea, vomito e diarrea. Le reazioni allergiche gravi sono anche note come anafilassie può essere pericoloso per la vita.

Allergia non mediata da IgE

Si ritiene che le reazioni non mediate da IgE, che sono scarsamente definite sia clinicamente che scientificamente, siano mediate dai linfociti T. Questo meccanismo è correlato a disturbi come l'eczema da contatto (dermatite allergica da contatto). Mentre i sintomi delle allergie mediate da IgE si verificano rapidamente e subito dopo l'esposizione all'allergene, questo potrebbe non essere il caso delle allergie non mediate da IgE in cui i sintomi possono comparire molto più tardi, di solito 24-48 h.

Risposta acuta: questo è ciò che di solito chiamiamo allergia. La reazione immediata si verifica entro 15-30 minuti dall'esposizione all'allergene. Durante la prima fase della reazione i mediatori chimici rilasciati dai mastociti, tra cui istamina, prostaglandine, leucotrieni e trombossano, producono risposte tissutali locali caratteristiche di una reazione allergica. Nel tratto respiratorio, ad esempio, questi includono starnuti, edema e secrezione di muco, con vasodilatazione nel naso, che porta a ostruzione nasale e broncocostrizione nel polmone, che porta a respiro sibilante.

Risposta in fase avanzata: Si verifica 4-6 ore dopo la scomparsa dei sintomi della prima fase e può durare giorni o addirittura settimane. Durante la fase tardiva della reazione nel polmone, l'infiltrazione cellulare, la deposizione di fibrina e la distruzione dei tessuti risultanti dalla risposta allergica prolungata portano ad una maggiore reattività bronchiale, edema e ulteriore reclutamento di cellule infiammatorie. Queste osservazioni suggeriscono che l'IgE è determinante nella risposta del sistema immunitario agli allergeni in virtù della sua capacità di innescare il rilascio di mediatori dei mastociti, portando direttamente alle reazioni di fase precoce e tardiva.

GAAPP_Allergia

 

Quali elementi sono coinvolti nella reazione allergica:

Allergene Di solito una proteina, che può generare una reazione allergica.

Immunoglobulina (IgE) Un anticorpo coinvolto nelle reazioni allergiche.

Mastociti Sono cellule del sistema immunitario che si trovano nella pelle, nel tratto respiratorio e nel tratto digerente. Le molecole IgE sono attaccate alla loro superficie. L'istamina e altri mediatori sono prodotti dai mastociti, che vengono rilasciati durante la reazione allergica che induce sintomi di allergia.

Istamina Viene immagazzinato all'interno dei mastociti e rilasciato durante la reazione allergica. Ha la capacità di dilatare i vasi sanguigni (vasodilatazione), aumentare la permeabilità dei vasi sanguigni (perdita di liquidi) e stimola i nervi. Ciò si traduce in arrossamento, gonfiore e prurito.