Pubblicazioni GAAPP

Pubblicazioni co-autrici GAAPP

Secondo un rapporto pubblicato su Annali di allergia, asma e immunologia. I pazienti che hanno partecipato al programma hanno riscontrato questi miglioramenti entro un anno dall'arruolamento, Christie F. Michael, MD, professore associato nel dipartimento di pediatria presso l'Health Science Center dell'Università del Tennessee e colleghi hanno scritto nel rapporto.

Leggi la pubblicazione: https://www.healio.com/news/allergy-asthma/20240119/outreach-program-decreases-health-care-resource-use-among-children-with-asthma

L'orticaria cronica (CU) è lo sviluppo ricorrente di pomfi (noti anche come "orticaria" o "lividi"), angioedema o entrambi per più di 6 settimane. I pomfi e l'angioedema si verificano senza fattori scatenanti definiti nell'orticaria cronica spontanea e in risposta a fattori fisici noti e definiti nell'orticaria cronica inducibile. Circa l’1.4% degli individui a livello globale soffriranno di CU nel corso della loro vita. Una collaborazione tra pazienti, fornitori, organizzazioni di tutela e rappresentanti farmaceutici ha creato una carta del paziente per definire i principi realistici e realizzabili della cura che i pazienti con CU dovrebbero aspettarsi di ricevere.

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/content/pdf/10.1007/s12325-023-02724-6.pdf

L'asma pediatrico necessita di nuove valutazioni dei risultati clinici (COA) specifiche per lo scopo, sviluppate secondo le linee guida normative della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per valutare il beneficio clinico negli studi di trattamento. Per colmare questa lacuna, il gruppo di lavoro sull’asma pediatrico del Consorzio Patient-Reported Outcome (PRO) ha continuato lo sviluppo di 2 COA per valutare i segni e i sintomi dell’asma negli studi clinici sull’asma pediatrico per supportare gli endpoint di efficacia.

Leggi la pubblicazione: https://jpro.springeropen.com/counter/pdf/10.1186/s41687-023-00639-y.pdf

Lo scopo di questo studio era valutare l'utilità diagnostica di un nuovo kit di test in grado teoricamente di rilevare tutti i sierogruppi di Legionella pneumophila per la diagnosi Legionella polmonite, rispetto ai kit esistenti.

Leggi la pubblicazione: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1201971220323122

Un gruppo internazionale di ricercatori ha sviluppato l'International Collaborative Asthma Network (ICAN) con l'obiettivo di condividere ricerche innovative sui meccanismi della malattia, sviluppare nuove tecnologie e terapie, organizzare studi pilota e coinvolgere ricercatori in fase iniziale di carriera da tutto il mondo. Questo rapporto descrive lo scopo, lo sviluppo ei risultati del primo forum ICAN.

Leggi la pubblicazione: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/37260461/

Abbiamo identificato quattro elementi del pacchetto di cure basate sull'evidenza per la revisione prima della dimissione di un paziente dall'ospedale, tra cui (1) cessazione del fumo e valutazione delle esposizioni ambientali, (2) ottimizzazione del trattamento, (3) riabilitazione polmonare e (4) continuità delle cure . 

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/article/10.1007/s12325-023-02609-8

Lo scarso riconoscimento della EAD da parte degli operatori sanitari spesso contribuisce a ritardare le diagnosi, ritardando ulteriormente l'accesso dei pazienti a cure adeguate e trattamenti efficaci e scarsi risultati di salute. Questa carta mira a delineare i principali diritti e le aspettative dei pazienti in merito alla gestione delle loro condizioni e a stabilire un piano d'azione ambizioso per migliorare i risultati sanitari per i pazienti con EAD.

Leggi la pubblicazione: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35489014/

L'asma colpisce 339 milioni di persone in tutto il mondo, con circa il 5-10% che soffre di asma grave. In contesti di emergenza, i corticosteroidi orali (OCS) possono salvare la vita, ma il trattamento acuto ea lungo termine può produrre esiti avversi clinicamente importanti e aumentare il rischio di mortalità. Pertanto, le linee guida globali raccomandano di limitare l'uso di OCS. 

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/article/10.1007/s12325-023-02479-0

I valori e le preferenze del paziente possono informare la cura della dermatite atopica (AD). Sintesi sistematiche delle evidenze riguardanti i valori e le preferenze dei pazienti non erano disponibili in precedenza. L'obiettivo è informare l'American Academy of Allergy, Asthma & Immunology (AAAAI)/American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI) Joint Task Force sullo sviluppo delle linee guida sui parametri pratici AD, i valori e le preferenze di pazienti e caregiver nella gestione dell'AD sono stati sintetizzati sistematicamente.

Leggi la pubblicazione: https://jamanetwork.com/journals/jamadermatology/article-abstract/2800632 

L'accesso a farmaci per via inalatoria a prezzi accessibili per le malattie respiratorie croniche (CRD) è gravemente limitato nei paesi a basso e medio reddito (LMIC), causando morbilità e mortalità evitabili. Ci sono opportunità per ottenere un migliore accesso a medicinali per via inalatoria a prezzi accessibili e di qualità garantita negli LMIC attraverso sforzi coordinati, multi-stakeholder e collaborativi.

Leggi la pubblicazione: https://www.ingentaconnect.com/contentone/iuatld/ijtld/2022/00000026/00000011/art00006

L'acquisto nel 2021 dell'azienda farmaceutica respiratoria Vectura da parte di Phillip Morris International è stato criticato dalla sanità pubblica e dalla comunità medica, come un conflitto di interessi, con scarso contributo fino ad oggi, dalla comunità dei pazienti o dal pubblico.

Leggi la pubblicazione: https://thorax.bmj.com/content/early/2022/07/14/thorax-2022-219142

Queste dichiarazioni di posizione sugli standard di qualità enfatizzano gli elementi fondamentali della cura della BPCO, tra cui la diagnosi, un'adeguata educazione del paziente e del caregiver, l'accesso a cure mediche e non mediche allineate con le ultime raccomandazioni basate sull'evidenza e la gestione appropriata da parte di uno specialista della respirazione quando richiesto, la gestione appropriata della malattia acuta Esacerbazioni della BPCO e follow-up regolare del paziente e del caregiver per le revisioni del piano di cura.

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/article/10.1007/s12325-022-02137-x

L'asma è una delle malattie croniche più diffuse gestite dagli infermieri scolastici e la sua gestione spesso include la somministrazione di broncodilatatori somministrati tramite un inalatore a dosaggio prescritto (MDI). L'uso di un MDI richiede coordinamento e padronanza dei passaggi che devono essere eseguiti correttamente e nell'ordine corretto. Questi passaggi sono notevolmente migliorati, soprattutto nella popolazione pediatrica, attraverso l'uso di dispositivi medici: distanziatori e camere di contenimento con valvola. Lo scopo di questo articolo è di esaminare la logica e le implicazioni per l'uso di questi dispositivi in ​​ambito scolastico.

Leggi la pubblicazione: https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/1942602X16646593

I farmacisti sono membri preziosi del team di assistenza collaborativa guidato dal medico. Un sondaggio tra i farmacisti condotto dall'Allergy & Asthma Network ha mostrato che i farmacisti potrebbero fornire una preziosa educazione del paziente sulla corretta tecnica e azione dei farmaci per l'asma inalati nell'ambito del Programma nazionale di educazione e prevenzione dell'asma (NAEPP).

Read the Publication: https://www.jacionline.org/article/S0091-6749(16)32456-3/fulltext

Il processo decisionale condiviso (SDM) sta diventando sempre più comunemente apprezzato e utilizzato nella pratica medica come un modo per responsabilizzare i pazienti che devono affrontare condizioni sensibili al trattamento, come rinite allergica, dermatite atopica, allergia alimentare e asma persistente. Lo scopo di questa revisione è di istruire il fornitore di assistenza sanitaria per le allergie su come funziona l'SDM e fornire consigli pratici e risorse SDM specifiche per gli allergologi.

Read the Publication: https://www.annallergy.org/article/S1081-1206(18)30710-5/fulltext

Qui forniamo una Carta del paziente per l'asma grave, composta da sei principi fondamentali, per mobilitare i governi nazionali, gli operatori sanitari, i responsabili politici dei contribuenti, i partner del settore della salute polmonare e i pazienti/caregiver per affrontare il bisogno e il carico insoddisfatti nell'asma grave e, infine, lavorare insieme per fornire miglioramenti significativi nell'assistenza.

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/article/10.1007/s12325-018-0777-y

L'orticaria spontanea cronica è difficile da gestire e influisce sostanzialmente sulla qualità della vita. Questo studio qualitativo non interventistico statunitense ha esaminato i percorsi clinici dei pazienti e il carico emotivo dall'esordio dei sintomi alla gestione della malattia. I pazienti con orticaria spontanea cronica hanno partecipato a interviste e hanno completato diari incentrati sulla storia/prospettive/prospettive della malattia e del trattamento, sull'impatto sulla vita personale/familiare e sui rapporti con i medici/altri operatori sanitari. I medici sono stati intervistati in merito alle loro opinioni sulla gestione della malattia e sulla cura del paziente.

Leggi la pubblicazione: https://www.medicaljournals.se/acta/content/abstract/10.2340/00015555-3282

Il processo decisionale condiviso (SDM) sta diventando sempre più comunemente apprezzato e utilizzato nella pratica medica come un modo per responsabilizzare i pazienti che devono affrontare condizioni sensibili al trattamento, come rinite allergica, dermatite atopica, allergia alimentare e asma persistente. Lo scopo di questa revisione è di istruire il fornitore di assistenza sanitaria per le allergie su come funziona l'SDM e fornire consigli pratici e risorse SDM specifiche per gli allergologi.

Leggi la pubblicazione: https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S1081120618307105

Sebbene l'asma grave possa essere pericoloso per la vita, molti pazienti non sono consapevoli di avere questa condizione. Patient Understanding Leading to Assessment for a Severe Asthma Referral (PULSAR) è un nuovo gruppo di lavoro multidisciplinare che mira a sviluppare e diffondere una descrizione globale e centrata sul paziente dell'asma grave per migliorare la comprensione da parte del paziente dell'asma grave e apportare un cambiamento nel comportamento del paziente in base al quale i pazienti sono incoraggiati a visitare il proprio medico, quando appropriato.

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/article/10.1007/s40271-019-00371-0

L'NHLBI ha tenuto un seminario sulla pianificazione strategica della ricerca sull'asma nel 2014 per aiutare ad accelerare la traduzione di nuove scoperte nella cura dei pazienti con asma grave. Il seminario ha invitato i ricercatori a basarsi sui recenti progressi nella tecnologia e nella patobiologia dell'asma per migliorare la gestione dell'asma grave, utilizzando interventi di precisione per ottimizzare i risultati dei pazienti e ridurre il carico di salute pubblica dell'asma.

Leggi la pubblicazione: https://www.atsjournals.org/doi/10.1164/rccm.201809-1817PP#_i1

Il processo decisionale condiviso (SDM) è il processo attraverso il quale i pazienti e il loro fornitore di servizi medici esplorano reciprocamente gli obiettivi della terapia, il rischio/beneficio e le opzioni di trattamento per quanto riguarda l'assistenza medica. Gli aiuti alle decisioni sono strumenti che aiutano nel processo di chiarimento dei valori e aiutano a valutare le esigenze decisionali e i potenziali conflitti decisionali. L'obiettivo di questo studio era sviluppare e valutare l'accettabilità di un aiuto decisionale per le terapie commerciali per l'allergia alle arachidi.

L'asma pediatrico rimane una sfida per la salute pubblica con un enorme impatto in tutto il mondo. Lo scopo di questo studio era identificare e dare priorità alle esigenze cliniche non soddisfatte nell'asma pediatrico, che potrebbero essere utilizzate per guidare la ricerca futura e le attività politiche.

Read the publication: https://www.jaci-inpractice.org/article/S2213-2198(20)30147-1/fulltext

In qualità di sostenitori globali dei pazienti, abbiamo co-sviluppato questa carta del paziente per stabilire uno standard di cura che le persone che convivono con la BPCO dovrebbero aspettarsi, aumentando la consapevolezza e la comprensione delle cause e delle conseguenze della BPCO, nonché il potenziale per migliorare l'assistenza ai pazienti. I pazienti con BPCO dovrebbero essere autorizzati a vivere la più alta qualità di vita possibile con il minor numero di riacutizzazioni. Abbiamo definito sei principi in linea con le attuali raccomandazioni delle linee guida sulla BPCO, che dovrebbero essere implementati da governi, operatori sanitari, responsabili politici, partner del settore della salute polmonare e pazienti/caregiver per guidare un cambiamento significativo nella cura della BPCO.

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/article/10.1007/s12325-020-01577-7#Abs1 

Sebbene solo il 10% dei pazienti con asma abbia una malattia grave, questi pazienti utilizzano fino alla metà di tutte le risorse sanitarie utilizzate per curare l'asma. Per il paziente, l'asma grave è associato a morbilità sostanziale, aumento del rischio di morte e scarsa qualità della vita. Sono disponibili trattamenti efficaci per l'asma grave, ma l'accesso a questi trattamenti varia per molti pazienti in tutto il mondo e non vengono sempre utilizzati in modo efficace quando disponibili.

Leggi la pubblicazione: https://link.springer.com/article/10.1007/s12325-020-01450-7

Lo scopo di questo lavoro è quello di fornire una panoramica degli aspetti chiave della pratica infermieristica dermatologica specializzata nella gestione dei pazienti con dermatite atopica da moderata a grave. Il ruolo degli infermieri specialisti in dermatologia nel supportare i pazienti e nel promuovere la comprensione della malattia, l'educazione e l'aderenza al trattamento continua ad evolversi. Poiché le caratteristiche dell'assistenza infermieristica specializzata possono informare anche altro personale infermieristico in un'ampia gamma di contesti assistenziali, viene esaminata una panoramica delle componenti chiave. Le osservazioni presentate provengono da una prospettiva paneuropea e rappresentano il punto di vista raccolto di un gruppo di infermieri specialisti in dermatologia, dermatologi e sostenitori dei pazienti a seguito di due tavole rotonde.

Leggi la pubblicazione: https://bmcnurs.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12912-020-00494-y 

L'asma grave è un sottotipo di asma che può essere difficile da controllare, con un impatto eccezionale sulla qualità della vita di un individuo. Lo scopo di questo articolo di revisione è quello di esplorare il disallineamento delle percezioni di asma grave tra le diverse parti interessate per identificare come ridurre il carico e migliorare l'erogazione delle cure.

Read the publication: https://www.worldallergyorganizationjournal.org/article/S1939-4551(20)30403-8/fulltext

L'uso di cannabis in pazienti con allergia/asma, un gruppo ad alto rischio di effetti avversi della cannabis, non è noto. L'obiettivo di questo studio era determinare i modelli di consumo e gli atteggiamenti nei confronti della cannabis nei pazienti con allergia/asma.

Read the publication: https://www.annallergy.org/article/S1081-1206(21)00022-3/fulltext 

L'obiettivo principale di questo studio era condurre una valutazione dei bisogni per accertare la conoscenza e le percezioni dei professionisti e dei genitori sull'educazione all'autogestione dell'asma per i bambini con disabilità fisiche e intellettive (ID). Un altro obiettivo era comprendere le esigenze di educazione dei bambini con ID sulla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2; coronavirus) e altre malattie infettive.

Leggi la pubblicazione: https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/02770903.2021.1878534?journalCode=ijas20 

È necessario ridurre al minimo l'uso di corticosteroidi orali (OCS) nei pazienti con asma per prevenire i loro costosi e gravosi effetti avversi. Le attuali linee guida non forniscono raccomandazioni per la riduzione graduale dell'OCS nei pazienti con asma. L'obiettivo di questo documento era quello di sviluppare un consenso di esperti sull'OCS tapering tra esperti internazionali.

Leggi la pubblicazione: https://www.atsjournals.org/doi/10.1164/rccm.202007-2721OC 

Le persone con rinite allergica (AR) che non sono controllate con la terapia convenzionale possono essere trattate utilizzando l'immunoterapia allergica (AIT) somministrata sotto forma di compresse, iniezioni o gocce. Negli Stati Uniti, l'uso dell'immunoterapia sublinguale in compresse (SLIT-compresse) è limitato rispetto all'immunoterapia sottocutanea (SCIT). Questo studio ha esaminato la preferenza dei pazienti per le compresse SLIT rispetto a SCIT mensili o settimanali dal punto di vista del paziente statunitense.

Leggi la pubblicazione: https://www.dovepress.com/preference-for-immunotherapy-with-tablets-by-people-with-allergic-rhin-peer-reviewed-fulltext-article-PPA

L'asma grave è un sottotipo di asma che può essere difficile da controllare, con un impatto eccezionale sulla qualità della vita di un individuo. Lo scopo di questo articolo di revisione è esplorare il disallineamento delle percezioni di asma grave tra i diversi stakeholder per identificare come ridurre l'onere e migliorare l'erogazione delle cure.

Read the publication: https://www.worldallergyorganizationjournal.org/article/S1939-4551(20)30403-8/fulltext 

Questo studio valuta la frequenza delle presentazioni respiratorie acute e febbrili durante la prima ondata di COVID‐19 pandemia nell'asma infantile. I dati della coorte multinazionale PeARL rivelano un miglioramento della salute e dell'attività dell'asma durante la prima ondata del COVID‐19 pandemia, probabilmente attribuita alla ridotta esposizione ai fattori scatenanti dell'asma e alla maggiore aderenza al trattamento. Durante quel periodo, i bambini con asma hanno sperimentato meno URTI, episodi di piressia, visite di emergenza, ricoveri ospedalieri, attacchi d'asma e ricoveri per asma rispetto all'anno precedente.

Leggi la pubblicazione: https://www.atsjournals.org/doi/10.1164/rccm.202007-2721OC

Mancata corrispondenza tra i sintomi dell'asma e la spirometria: implicazioni per la gestione dell'asma nei bambini.

La spirometria è stata eseguita su 894 bambini (5-19) nel Connecticut in cui la valutazione clinica aveva riscontrato asma intermittente nel 30% e asma persistente lieve, moderata e grave nel 32%, 33% e 5% rispettivamente. Il peggioramento dei parametri spirometrici è stato associato a una malattia clinica più grave. Ma la valutazione spirometrica ha mostrato una gravità della malattia maggiore rispetto alla valutazione clinica nel 36% e la concordanza tra risultati spirometrici e sintomi clinici era scarsa, 0.2 dopo aggiustamento per bias e prevalenza. È noto che la morbilità dell'asma viene ridotta da un trattamento appropriato e gli autori suggeriscono che i risultati della spirometria possono essere una guida migliore per le decisioni terapeutiche rispetto alla sintomatologia.

Schifano ED et al. J Pediatr. 2014 agosto 28 pii: S0022-3476 (14) 00650-7. doi: 10.1016 / j.jpeds.2014.07.026. [Epub prima della stampa]

Leggi la pubblicazione: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25175496

La nonna fuma durante la gravidanza della madre e l'asma nel nipote: il Norwegian Mother and Child Cohort Study.

Lo studio norvegese sulla coorte di madri e bambini comprende circa 100,000 madri e bambini. Il fumo della nonna durante la gravidanza della madre è stato esaminato in relazione agli esiti dell'asma nel nipote. Per il 23.5% dei bambini, le madri hanno dichiarato che le proprie madri avevano fumato durante la gravidanza. L'asma è stata segnalata nel 5.7% di 53,169 bambini con dati di follow-up all'età di 36 mesi e nel 5.1% di 25,394 bambini con dati all'età di 7 anni. C'erano dati del registro di prescrizione sui farmaci per l'asma dispensati per il 4.8% di 45,607 bambini con dati disponibili all'età 7. C'era un'associazione positiva tra il fumo della nonna durante la gravidanza e l'asma in tutti e 3 i gruppi di nipoti, indipendentemente dallo stato di fumo della madre. A causa delle poche informazioni sullo stato socioeconomico e sullo stato di asma delle nonne, possono essere presenti fattori di confusione non misurati.

Magnus MC et al. Torace. 2015 gennaio 8 pii: thoraxjnl-2014-206438.

Leggi la pubblicazione: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25572596

L'affidabilità e l'utilità della spirometria eseguita su persone con asma nelle farmacie comunitarie.

I ricercatori australiani hanno valutato i dati di 2593 sessioni di spirometria eseguite da farmacisti della comunità per 892 asmatici nell'ambito di due grandi studi di intervento sull'asma. C'erano tre test accettabili nel 68.5% delle sessioni e almeno un test accettabile nel 96%. L'accettabilità è stata definita come il rispetto dei criteri delle linee guida ATS/ERS. Circa il 40% ha avuto risultati che indicano ostruzione. Come risultato del servizio, FEV1 e FEV1/FVC sono aumentati significativamente nei partecipanti allo studio, così come il controllo dell'asma. Coloro che sono stati indirizzati ai medici di base hanno avuto risultati spirometrici significativamente peggiori. Gli autori hanno concluso che la spirometria eseguita dai farmacisti potrebbe essere affidabile e utile per una revisione comunitaria dell'asma.

Burton DL et al. J Asma. 2015 gennaio 7: 1-27

Leggi la pubblicazione: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25563059

Efficacia ed efficacia dei vaccini influenzali stagionali e pandemici A (H1N1) 2009 nei paesi a basso e medio reddito: una revisione sistematica e una meta-analisi.

La vaccinazione antinfluenzale è raccomandata nei paesi a basso e medio reddito (LIC e MIC) per le popolazioni a rischio. Una ricerca in 3 database medici di articoli in inglese, francese, spagnolo o portoghese sull'efficacia e l'efficacia del vaccino antinfluenzale in questi paesi dal 1960 al 2011 ha prodotto 41 studi. Nelle MIC, il vaccino antinfluenzale ha mostrato un'efficacia aggregata del 72% e dell'81% per il follow-up di 1 e 2 anni nei bambini e un'efficacia aggregata del 43% e 58% rispettivamente per i vaccini vivi attenuati e inattivati ​​negli anziani. Il vaccino inattivato ha ridotto gli esiti cardiovascolari nei pazienti a rischio. L'efficacia era simile a quella nei paesi ad alto reddito. I dati per i LIC e altri gruppi a rischio nei MIC erano limitati.

Bretel JK et al. Vaccino. 2013 ottobre 25; 31 (45): 5168-77. doi: 10.1016 / j.vaccine.2013.08.056. Epub 2013 5 settembre.

Leggi la pubblicazione: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24012574

Linee guida internazionali

Altre pubblicazioni consigliate

  1. Le prescrizioni di β2-agonisti a breve durata d'azione sono associate a scarsi esiti clinici dell'asma: lo studio trasversale multinazionale SABINA III
  2. Beni e bisogni delle organizzazioni di pazienti respiratori: differenze tra paesi sviluppati e in via di sviluppo
  3. Asma Yardstick: raccomandazioni pratiche per un aumento sostenuto nella terapia dell'asma per l'asma scarsamente controllato
  4. Svelare i costi reali e gli impatti sociali della dermatite atopica da moderata a grave in Europa