Conseguenze a lungo termine di COVID-19

Dopo più di un anno di COVID 19, i medici sono ora in grado di acquisire molta esperienza con i sintomi di accompagnamento di questa malattia.

Solo ora sta venendo alla luce una delle conseguenze più gravi, ovvero le conseguenze sulla salute a lungo termine della malattia: Long Covid.

In un webinar, il presidente di AAN e GAAPP Tonya A. Winders e il dottor Purvi Parikh (professore assistente clinico di medicina NYU Langone School of Medicine & Director, Allergy and Asthma Association, Murray Hill) hanno evidenziato proprio questo problema degli effetti a lungo termine di COVID-19.

Cosa sono i "trasporti a lungo raggio"?

Il nome è stato dato a pazienti che in teoria si sono ripresi dal peggior impatto di COVID-19 e sono risultati negativi - eppure - hanno ancora sintomi.
Non sembra esserci una ragione coerente per questo.
10% dei COVID-19 i pazienti diventano "Long-Haulers".

Può colpire chiunque:
Giovani, anziani, persone altrimenti sane, persone con altre condizioni, persone ricoverate in ospedale, pazienti con sintomi molto lievi
I "Long Haulers" non sono stati presi abbastanza sul serio. C'è un urgente bisogno di una ricerca dedicata.

Conseguenze sulla salute a lungo termine di COVID-19

Le persone non possono lavorare o funzionare come farebbero normalmente.
Le conseguenze a lungo termine rimangono in gran parte poco chiare - 6 mesi dopo il 75% sperimenta ancora almeno un Sintomo.
Sta emergendo un certo quadro - secondo uno studio - il 50% non è in grado di lavorare a tempo pieno, l'88% ha problemi cognitivi / perdita di memoria.

I sintomi persistenti sono:

  • Tosse
  • Stanchezza continua, a volte debilitante
  • Dolori muscolari
  • Il dolore alle articolazioni
  • Fiato corto
  • Perdita di gusto e odore, anche se ciò non è accaduto durante il culmine della malattia
  • Disturbi del sonno
  • Mal di testa
  • Cervello annebbiato

COVID-19 e il cervello

I pazienti soffrono di una varietà di sintomi dovuti agli effetti sul cervello:
- Confusione (inclusa perdita dell'olfatto o del gusto o ictus potenzialmente letali)
- I pazienti di età compresa tra i 30 ei 40 anni potrebbero sperimentare possibili cambiamenti neurologici pericolosi per la vita a causa di ictus o coagulazione del sangue iperattiva
- I pazienti hanno anche problemi ai nervi periferici, come la sindrome di Guillain Barré, che può portare a paralisi e insufficienza respiratoria.

Sintomo più confuso: nebbia cerebrale!

La maggior parte dei sintomi che confondono i rapporti di Long-Haulers sono di essere insolitamente smemorati e confusi, o addirittura non essere in grado di concentrarsi abbastanza per guardare la TV.

Questo può accadere a persone che sono state in terapia intensiva per un po ', ma è relativamente raro. Succede, tuttavia, in molti pazienti che non sono stati ricoverati in ospedale.

Alcune persone hanno riferito di sentirsi meglio per alcuni giorni o addirittura settimane e poi hanno avuto una ricaduta. Per altri, semplicemente, non si sentono se stessi.

COVID-19 e i polmoni

Inviare COVID-19 polmoni:
Fitte cicatrici nei polmoni della maggior parte dei post COVID sono stati visitati pazienti.
Ciò si verifica in quasi il 100% dei pazienti sintomatici e nel 70-80% nei pazienti asintomatici.

teorie

1. Una teoria comune su long COVID è che il virus può rimanere nel corpo in una piccola forma.
2. Un'altra teoria è che il sistema immunitario continui a reagire in modo eccessivo anche se l'infezione è passata.

Studi

Risultati dello studio dalla Cina

Sei mesi dopo il ricovero in ospedale da COVID-19 la maggior parte dei pazienti ha manifestato almeno un sintomo.
https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)32656-8/fulltext

sintomi:
Stanchezza o debolezza muscolare, difficoltà nel sonno, ansia o depressione.
In pazienti più gravemente malati: aumento del rischio di anomalie della diffusione polmonare, affaticamento o debolezza muscolare. ansia o depressione (i sintomi sono coerenti con i sopravvissuti alla SARS)

Manifestazioni oltre il sistema polmonare:
Il rischio di ansia o depressione come importante complicanza psicologica e capacità di diffusione polmonare ridotta era maggiore nei pazienti con malattie più gravi.

Manifestazioni d'organo oltre il sistema polmonare:
Disfunzioni renali osservate, diabete di nuova diagnosi, malattie tromboemboliche venose, eventi cardiovascolari (cuore), eventi cerebrovascolari (ictus), insufficienza renale persistente potrebbero portare a danno renale o necessità di dialisi.

Risultati dello studio dal Regno Unito

- 1/3 di COVID-19 i pazienti finiscono di nuovo in ospedale entro 5 mesi
- Uno su 8 muore per complicazioni della malattia
- Sviluppo di problemi cardiaci, diabete, malattie epatiche e renali croniche
- Maggiore rischio di malattie secondarie in vari organi nelle persone di età inferiore ai 70 anni

Poiché i giovani e gli anziani sono maggiormente a rischio di altre malattie, dobbiamo continuare a monitorare COVID-19 pazienti nel tempo.

Domande che rimangono

"Perché una persona e non l'altra?"
“Perché alcuni anziani con COVID-19 morire e altri sopravvivono? "
"Perché alcuni giovani hanno problemi gravi - hanno bisogno di un trapianto di polmone e altri sembrano riprendersi completamente?"

Fonte: https://allergyasthmanetwork.org/news/covid-long-haul/