L'uso dei trattamenti prescritti può mostrare un enorme cambiamento nella salute, nell'umore e nello sviluppo di un paziente una volta che il farmaco per l'allergia o la routine di trattamento sta funzionando per controllare i sintomi.

Esistono diverse forme di farmaci per l'allergia:

Antistaminici

Gli antistaminici agiscono bloccando gli effetti infiammatori dell'istamina, una delle principali sostanze chimiche che il corpo rilascia quando viene a contatto con un allergene a cui si è sensibilizzati. Gli antistaminici sono probabilmente il tipo più noto di farmaci per l'allergia e la maggior parte sono prontamente disponibili in farmacia senza prescrizione medica. Possono calmare starnuti, prurito, naso che cola e orticaria. Sono disponibili in compresse, liquidi, compresse fondenti o spray nasali. I nuovi antistaminici, non sedativi e meno sedativi sono più sicuri dei vecchi antistaminici, perché hanno meno probabilità di causare sonnolenza o sedazione.

Antagonisti dei leucotrieni

Questo farmaco per l'allergia blocca l'azione di un gruppo di sostanze chimiche, i leucotrieni, che restringono i muscoli intorno alle vie aeree dei polmoni. Come l'istamina, vengono rilasciati durante la reazione allergica principalmente dalle cellule del corpo, i mastociti, che sono centrali per lo scatenamento della reazione allergica.

Broncodilatatori

Agiscono rilassando la muscolatura liscia delle vie aeree del polmone. I broncodilatatori sono usati per alleviare la costrizione toracica e il respiro sibilante che sono i sintomi immediati di asma. Se soffri di respiro sibilante occasionale o costrizione toracica puoi tranquillamente usare i broncodilatatori come terapia singola. Se i sintomi del torace sono prolungati, i broncodilatatori devono essere usati insieme a un inalatore di corticosteroidi, che tratterà l'infiammazione a lungo termine che è alla base degli attacchi ricorrenti di asma.

decongestionanti

I decongestionanti restringono i vasi sanguigni nel naso e possono essere somministrati come spray nasale, gocce o compresse per fornire un sollievo immediato dal blocco nasale. Non devono essere utilizzati per più di 7 giorni in quanto possono danneggiare i tessuti del naso e causare un peggioramento dei sintomi.

Cromoni

I farmaci, il cromolyn sodico (o cromolyn) e nedocromile, sono comunemente raggruppati insieme come cromoni (chiamati anche cromoglicati). Cromoglycate agisce bloccando le risposte delle cellule che rilasciano l'istamina durante una reazione allergica e può essere un'utile alternativa a un antistaminico nella prevenzione delle reazioni allergiche. Tuttavia, questo trattamento funziona solo se assunto prima del contatto con l'allergene e possono essere necessarie alcune settimane prima che si vedano gli effetti del trattamento. Il cromoglicato è utilizzato principalmente nei colliri ed è più vantaggioso in questo trattamento poiché gli antistaminici non sempre offrono molto sollievo dai sintomi allergici agli occhi.

Adrenaline

Adrenaline (epinefrina) è usato per trattare lo shock anafilattico, in cui i livelli elevati e improvvisi di istamina e altre sostanze rilasciate durante una reazione allergica causano difficoltà respiratorie nel paziente e possono anche causare perdita di coscienza. Agisce contrastando tutti gli effetti sul corpo dell'improvviso rilascio nel flusso sanguigno di istamina e leucotrieni. Questo farmaco è il trattamento più efficace per la reazione allergica generalizzata acuta grave nota come "anafilassi" e ha salvato molte vite.

Lo shock anafilattico può verificarsi immediatamente dopo il contatto con un allergene o fino a poche ore dopo. L'adrenalina è un ormone prodotto dall'organismo che riduce il gonfiore associato a una reazione allergica, allevia sintomi dell'asma, facilita la respirazione, rassoda i vasi sanguigni e stimola il cuore. La ricerca ha dimostrato che prima viene somministrata l'adrenalina una volta che è iniziata una reazione anafilattica, migliori sono i risultati di salute per il paziente. Per questo motivo, alle persone a rischio di anafilassi viene spesso prescritta una singola unità per l'autosomministrazione mediante iniezione o tramite un dispositivo di iniezione automatica (ad esempio Epipen, Jext o Anapen) che si attiva quando viene premuto saldamente contro la pelle. Il sito preferito per l'iniezione è nel muscolo della parte esterna della coscia. È essenziale che questi siano sempre portati con l'individuo allergico e siano disponibili per l'uso. Gli autoiniettori di adrenalina sembrano penne e vengono prescritti in base al peso del paziente. Alla maggior parte dei bambini verrà somministrato un iniettore junior, ma ai bambini più grandi e agli adolescenti verrà prescritta la versione per adulti.

Una volta somministrata una dose di adrenalina, è necessario chiamare un'ambulanza e il paziente deve recarsi in ospedale in modo che qualsiasi ulteriore reazione possa essere trattata.

I corticosteroidi

I corticosteroidi sono spesso chiamati "steroidi". Gli steroidi utilizzati per il trattamento delle allergie sono quasi identici all'ormone naturale, il cortisolo, prodotto dalle ghiandole surrenali del corpo. I corticosteroidi medicinali agiscono impedendo all'organismo di produrre i messaggeri chimici (chiamati citochine) responsabili del prolungamento dell'infiammazione tissutale immediata che si verifica dopo l'esposizione agli allergeni. I corticosteroidi sono quindi utilizzati per il trattamento dell'infiammazione a lungo termine sperimentata in condizioni croniche come l'asma, le condizioni allergiche della pelle, la febbre da fieno e la rinite perenne.

Possono essere somministrati con spray nasale per raffreddore da fieno e rinite allergica perenne. Riducono il gonfiore. Il gonfiore provoca naso chiuso, gocciolante e pruriginoso. Possono anche essere assunti per inalazione, per l'asma e come creme o unguenti per le condizioni allergiche della pelle. Per evitare effetti collaterali, questi inalatori e spray sono formulati per funzionare sulla superficie del naso o del polmone e per essere scarsamente assorbiti nel flusso sanguigno. Alcune risposte allergiche comportano una seconda reazione di fase tardiva ore dopo la reazione allergica iniziale. Questa seconda fase della reazione allergica è causata dal sistema immunitario che chiama ulteriori cellule immunitarie per difendere il corpo. Queste cellule rilasciano sostanze chimiche che aggravano ulteriormente la parte del corpo che è già irritata dalla reazione allergica iniziale e possono anche causare sintomi aggiuntivi in ​​altre parti del corpo. I corticosteroidi, a differenza degli antistaminici, possono ridurre i sintomi di queste reazioni di fase tardiva, limitando l'attività delle cellule responsabili del rilascio di ulteriori sostanze chimiche nel corpo. In questo modo gli steroidi non solo riducono l'infiammazione, ma possono anche fermare un'infiammazione allergica cronica in corso.

I corticosteroidi possono essere assunti sotto forma di compresse per trattare molteplici manifestazioni di malattie allergiche, ad esempio in un paziente affetto da asma, rinite allergica ed eczema. La prescrizione di corticosteroidi in compresse è riservata a condizioni allergiche gravi.

Un paziente che usa steroidi deve essere monitorato attentamente e ricevere controlli regolari.

Trattamento anti-IgE

L'importanza dell'immunoglobulina E (IgE) nei disturbi atopici come l'asma, la rinite allergica, le allergie alimentari e la dermatite atopica è ben consolidata. L'aumento delle IgE sieriche totali si riscontra tipicamente in molti pazienti atopici e negli individui predisposti si producono IgE allergene-specifiche. Gli anticorpi IgE sono la causa più comune del sistema immunitario che reagisce a un allergene e avvia una risposta allergica. I farmaci anti-IgE sono stati progettati per ridurre la sensibilità agli allergeni inalati o ingeriti, specialmente nel controllo dell'asma allergico da moderato a grave, che non risponde ad alte dosi di corticosteroidi. Prendono gli anticorpi IgE dalla circolazione. Il farmaco anti-IgE può consentire ad alcune persone di ridurre e persino interrompere i loro trattamenti con steroidi per via inalatoria. Omalizumab è stato il primo anticorpo monoclonale umanizzato contro IgE lanciato nel 2005. Nel frattempo c'è molta esperienza con questo farmaco che, cosa interessante, funziona molto bene anche nell'orticaria cronica spontanea.

Immunoterapia con allergeni

L'immunoterapia allergenica, nota anche come desensibilizzazione o ipo-sensibilizzazione, è un trattamento medico per alcuni tipi di allergie. Scoperta da Leonard Noon e John Freeman nel 1911, l'immunoterapia con allergeni è l'unico farmaco noto per affrontare non solo i sintomi ma anche le cause delle allergie respiratorie. È l'unico trattamento causale che modifica il sistema immunitario. È utile per allergie ambientali, allergie a punture di insetti e asma. Il suo vantaggio per le allergie alimentari non è chiaro e quindi non è raccomandato. L'immunoterapia è controindicata nei pazienti con asma grave, instabile o non controllata.

Immunoterapia con allergeni iniettabili - SCIT

L'immunoterapia con allergeni prevede l'iniezione di quantità crescenti di allergeni sotto la pelle fino a quando la sensibilità all'allergene non viene ridotta. Le iniezioni vengono prima somministrate settimanalmente o due volte a settimana e poi mensilmente per un periodo di 3-5 anni. I sintomi di allergia non si fermeranno dall'oggi al domani. Di solito migliorano durante il primo anno di trattamento, ma il miglioramento più evidente si verifica spesso durante il secondo anno. Entro il terzo anno, la maggior parte delle persone è desensibilizzata agli allergeni contenuti negli iniezioni e non ha più reazioni allergiche significative a tali sostanze. Dopo alcuni anni di trattamento di successo, alcune persone non hanno problemi di allergia significativi anche dopo che i colpi di allergia sono stati interrotti. Altre persone hanno bisogno di colpi continui per mantenere i sintomi sotto controllo. Questo trattamento è molto efficace per l'allergia al veleno di api, vespe, giubba gialla, calabrone e formiche e per l'allergia ad alcuni allergeni inalanti come erba, erbe infestanti e polline degli alberi. L'immunoterapia iniettabile può anche essere utile nella gestione dell'allergia a gatti, cani, acari della polvere e muffe. Questo tipo di farmaci per l'allergia è l'unica forma di terapia per le malattie allergiche che può ridurre fortemente i sintomi o può portare alla completa risoluzione dei sintomi senza farmaci e, se somministrato ai bambini, può prevenire lo sviluppo di ulteriori malattie allergiche. Poiché esiste il rischio che una grave reazione allergica si verifichi immediatamente o subito dopo l'iniezione, l'immunoterapia con allergeni deve essere somministrata in uno studio medico dove sono disponibili farmaci e attrezzature appropriate. I pazienti devono rimanere sotto osservazione medica per 20-30 minuti dopo un'iniezione di immunoterapia nel caso in cui si verifichi una reazione allergica. Gli effetti collaterali durante il trattamento sono generalmente locali e lievi e di solito possono essere eliminati regolando il dosaggio. I benefici possono durare per anni dopo l'interruzione del trattamento.

Immunoterapia allergenica sub-linguale (orale) - SLIT

L'immunoterapia sublinguale (SLIT) è una nuova forma di immunoterapia. Invece di iniettare un allergene sotto la pelle, piccole dosi vengono somministrate sotto la lingua per due minuti e poi ingerite. Al momento sono disponibili due tipi di SLIT - compresse e gocce - per polline di graminacee, acari della polvere domestica e ambrosia. Compresse sublinguali di allergeni (compresse SLIT) - L'allergene è formulato in una compressa a rapida dissoluzione che viene tenuta sotto la lingua fino a completa dissoluzione. Le compresse vengono auto-somministrate, una volta al giorno. Estratti allergeni liquidi sublinguali (gocce SLIT) - Un estratto acquoso o liquido di allergene, somministrato in gocce, viene anche tenuto sotto la lingua per alcuni minuti e quindi ingerito. L'allergene viene assorbito attraverso la mucosa orale. Tenere l'estratto sotto la lingua sembra più efficiente per la somministrazione del farmaco attivo. La terapia con immunoterapia sublinguale (SLIT) viene iniziata con la prima dose somministrata sotto controllo medico, quindi la somministrazione continua una volta al giorno e viene auto-somministrata dal paziente o dal caregiver a casa.

Chi soffre di allergie è spesso allergico a più di un allergene. Gli scatti possono fornire sollievo per più di un allergene, mentre i trattamenti SLIT sono limitati a un singolo allergene.

Ci sono pro e contro di queste diverse forme di farmaci per l'allergia

  • La SLIT è più sicura, con meno reazioni allergiche locali e sistemiche rispetto alla SCIT.
  • SLIT è più comodo per i pazienti, senza ago.
  • La SLIT è più conveniente per pazienti e medici perché la terapia è auto-somministrata dal paziente o dal caregiver a casa.
  • L'aderenza alla terapia del paziente è importante. I pazienti che saltano regolarmente le dosi potrebbero non avere risultati soddisfacenti.
  • Sarà necessaria l'educazione del paziente per garantire che la terapia venga eseguita in modo sicuro ed efficace. I pazienti richiederanno informazioni su come riprendere la terapia dopo aver saltato le dosi.

Chiedi al tuo allergologo o medico specializzato in allergie, può aiutarti a prendere buone decisioni a breve e lungo termine.