Cosa può fare il paziente per l'orticaria?

Il passo più importante è identificare i fattori scatenanti dell'orticaria e determinare la soglia individuale. Quindi, il trigger deve essere evitato nella misura in cui ciò è possibile. Continua il tuo diario per documentare accuratamente il decorso della malattia. Un numero inferiore di attacchi o una diminuzione della gravità degli attacchi è già un successo.

In connessione con alcuni forme di orticaria, è possibile un'abitudine simile all'immunoterapia utilizzata in relazione ai pazienti allergici. In parte questo è dovuto al fatto che i mastociti, quando hanno scaricato la loro istamina, impiegano un po 'di tempo prima che possano essere attivati ​​la volta successiva. Alcuni pazienti lo sfruttano deliberatamente.

Ad esempio, un bagno (braccio) freddo quotidiano può far scomparire i sintomi dell'orticaria fredda per il resto della giornata o almeno mitigare questi sintomi. Una persona che reagisce allo stress con i ponfi può innescare i ponfi deliberatamente mediante sfregamento o pressione prima di una situazione stressante come un esame o un colloquio di lavoro per evitare il prurito nella successiva situazione di stress. Ma si prega di discutere tali misure con il medico, perché le reazioni variano notevolmente e nessuno dovrebbe correre il rischio di una reazione violenta se non è disponibile alcun aiuto.

Lo stress, a proposito, è molto spesso un fattore scatenante o un amplificatore dell'orticaria. È vero che "evitare lo stress" è molto più facile a dirsi che a farsi. Ancora una volta, tenere un diario ti aiuterà a identificare lo stress che induce l'orticaria. L'apprendimento delle tecniche di rilassamento o del training autogeno può aiutare.

Evita di assumere FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei). Questi includono, ad esempio, acido acetilsalicilico (in aspirina, tomapirina ecc.), Diclofenac, ibuprofene, fenilbutazone. L'assunzione anche di una singola dose di uno di questi farmaci può causare un attacco di orticaria.

Evita soprattutto le bevande alcoliche ad alta gradazione. L'alcol può irritare il rivestimento dello stomaco in modo che gli enzimi specifici del tratto gastrointestinale (diammina ossidasi) necessari per la degradazione dell'istamina non possano più abbattere sufficientemente bene l'istamina ingerita con il cibo.

L'istamina viene quindi assorbita nel sangue attraverso la mucosa dell'intestino tenue e può causare orticaria e disagio associato. L'alcol può far sì che i mastociti, le principali cellule scatenanti dell'orticaria, si attivino più facilmente.

I cibi piccanti possono anche irritare le mucose e sono quindi spesso scarsamente tollerati e dovrebbero essere evitati dai pazienti con orticaria.

Documentazione con diario dell'orticaria - App:

Approfitta del tuo diario personale di orticaria nella seguente app:

È disponibile gratuitamente per iPhone   Android Smartphone.