Se i sintomi orticarioidi - arrossamento, orticaria e prurito - persistono per più di 6 settimane, si parla di orticaria cronica spontanea. Il disagio può persistere per diversi mesi o anni, a volte anche per decenni. Può verificarsi anche angioedema, soprattutto nella zona del viso o su mani e piedi e nella zona genitale. Ora è il momento di indagare più a fondo le cause e, a questo proposito, il medico e il paziente non devono attenersi pedissequamente al limite di sei settimane. Dipende non da ultimo dalla gravità del disagio.

Il fastidio orticarioide è sempre fondamentalmente causato dall'attivazione dei mastociti. Pertanto, il disagio può verificarsi in qualsiasi parte del corpo in cui sono presenti i mastociti. I mastociti si trovano principalmente nella pelle e nelle mucose del tratto respiratorio e gastrointestinale. L'attivazione dei mastociti nelle mucose delle vie respiratorie può portare a disfagia e dispnea, mentre l'attivazione dei mastociti nel tratto gastrointestinale può causare dolore addominale, nausea e diarrea. Molti pazienti riferiscono anche indisposizione, affaticamento, mal di testa e dolori articolari che possono verificarsi durante un grave attacco di orticaria.

Trigger

Tra le cause identificate di tale orticaria cronica spontanea, in relazione alla quale possono verificarsi orticaria / angioedema quotidianamente, settimanalmente o meno frequentemente, ci sono infezioni croniche o processi infiammatori (come Helicobacter pylori), reazioni di ipersensibilità non allergica agli alimenti, additivi alimentari e farmaci (pseudo-allergie) e autoreattività comprese le reazioni autoimmuni (reazioni causate da autoanticorpi). Cioè, il sistema immunitario del corpo fornisce anticorpi (immunoglobuline) contro le proprie proteine. Questi vengono attaccati dagli anticorpi difensivi come se questi anticorpi avessero a che fare con pericolosi intrusi come i batteri. Il corpo, per così dire, combatte se stesso. Pertanto, chiamiamo tali anticorpi di difesa contro autoanticorpi "se stessi".

Terapia

La ricerca del trigger (o dei trigger) è spesso un lavoro investigativo. L'eliminazione della causa sottostante deve essere l'obiettivo del trattamento dell'orticaria cronica. In caso di orticaria infettiva, quindi, l'infezione dovrebbe essere eliminata, e in caso di intolleranza alle sostanze che inducono l'orticaria dovrebbero essere evitate. Se un tale approccio terapeutico non è possibile o non ha successo, viene utilizzato un trattamento sintomatico (vedere il grafico della terapia nella sezione Terapia dell'orticaria).

L'approccio pragmatico è quindi quello di mantenere un diario dei sintomi e di osservare da vicino: dove si verificano i ponfi / angioedema? A che ora del giorno? In relazione a determinate attività, come quando si fa la doccia o durante le passeggiate in inverno? Esiste una connessione con il tempo di lavoro e il tempo libero o con determinati cibi, attività, hobby o malattie?

Laddove si sospetti la causa di alimenti o additivi alimentari, può essere utile una dieta di eliminazione di tre settimane. Si può iniziare, ad esempio, con acqua del rubinetto, tè nero, fette biscottate e poi continuare con patate e riso ecc .: se i sintomi scompaiono in questo lasso di tempo, si possono introdurre gradualmente nuovi alimenti fino a incontrare quelli che scatenano un attacco di orticaria.