Fortunatamente, il più comune forma di orticaria è l'orticaria acuta o "orticaria acuta spontanea", che dura un massimo di sei settimane (di solito da pochi giorni a tre settimane) ed è generalmente facile da trattare. Circa una persona su cinque ha un episodio del genere almeno una volta nella vita.

Il tipico sintomi, arrossamenti e orticaria, si verificano. I ponfi provocano prurito intenso e talvolta sono anche associati a bruciore e indolenzimento della pelle. In alcuni pazienti si verifica anche angioedema (gonfiore della pelle profonda). L'orticaria spontanea acuta grave può anche essere accompagnata da febbre, mal di testa, diarrea, difficoltà a respirare e deglutire, dolori articolari e stanchezza / affaticamento.

Trigger

I fattori scatenanti dell'orticaria acuta sono spesso infezioni come il raffreddore. Negli adulti, alcuni farmaci, in particolare analgesici antipiretici (aspirina, diclofenac, ibuprofene), antibiotici (sulfonamidi, penicillina, cefalosporine) e farmaci cardiaci e antipertensivi (beta-bloccanti, ACE inibitori, diuretici) possono causare un attacco. Inoltre, alcune allergie, come le allergie alimentari, possono scatenare i sintomi dell'orticaria; tuttavia, questi non sono casi di vera orticaria. Detergenti e prodotti per la cura personale (shampoo, gel doccia o creme) non sono quasi mai causa di orticaria acuta.

Terapia

I sintomi di solito scompaiono da soli entro pochi giorni. La terapia consiste semplicemente in antistaminici, ovvero quelli di nuova generazione, i cosiddetti antistaminici non sedativi, cioè non sonnolenti.

Gli antistaminici, chiamati anche bloccanti H1, sono farmaci che inibiscono l'effetto dell'istamina legandosi ai recettori dell'istamina e bloccandoli. La cellula che porta il recettore (ad esempio una cellula nervosa) non riceve i segnali dell'istamina e quindi non risponde. Tuttavia, la rilegatura non dura per sempre. Pertanto, questi farmaci devono essere presi ancora e ancora.

Se l'orticaria non scompare o continua a ripresentarsi, il medico e il paziente inizieranno una diagnosi dettagliata dopo alcune settimane.

Se un'orticaria acuta è grave ed è ad esempio accompagnata da angioedema, difficoltà a deglutire o difficoltà respiratorie, vengono utilizzati altri farmaci (come il cortisone).

Naturalmente, i sospetti inneschi dovrebbero, per quanto possibile, essere evitati in futuro.