Esofagite eosinofila: cosa devi sapere

L'esofagite eosinofila (EOE) è una condizione allergica / immunitaria che colpisce l'esofago, il tubo che porta il cibo dalla bocca allo stomaco. Sebbene non sia una malattia pericolosa per la vita, è una condizione cronica che non è superata e dovrebbe essere trattata adeguatamente.

Se hai l'EOE, un gran numero di un particolare tipo di globuli bianchi, chiamati eosinofili, si trova nel rivestimento del tuo esofago. Una persona sana senza EOE di solito non ha eosinofili aumentati nel loro esofago.

Gli eosinofili sono una parte normale del sistema immunitario del corpo, ma quando si accumulano nell'esofago rilasciano sostanze che infiammano il rivestimento del tubo. Nel tempo questa infiammazione e questo danno possono causare dolore, difficoltà a deglutire o aumentare il rischio che il cibo rimanga bloccato in gola.

Forse perché è una malattia allergica, l'EOE è talvolta chiamato "asma esofageo". Sebbene sia possibile avere sia l'EOE che l'asma insieme, sono malattie separate che colpiscono diverse parti del corpo: l'EOE colpisce l'esofago e asma colpisce i polmoni.

L'esofagite eosinofila è comune?

L'EOE è piuttosto raro: circa cinque persone su 10,000 possono avere la condizione. Tuttavia, il numero di persone a cui viene diagnosticata la condizione sta aumentando rapidamente in tutto il mondo. Ciò è in parte dovuto al fatto che si tratta di una condizione riconosciuta di recente, ma potrebbero esserci altre ragioni per l'aumento.

L'EOE è abbastanza comune nei bambini e nei giovani adulti, ma può colpire persone di qualsiasi età. È più diffuso nelle persone sui 30 anni.

Chi è a rischio di esofagite eosinofila?

Sei più a rischio di sviluppare EOE se hai già un'altra malattia di tipo allergico, come asma, eczema, febbre da fieno o a allergia alimentare. È anche più probabile che lo sviluppi se hai un parente con la condizione. Tre volte più uomini hanno EOE rispetto alle donne.

Quali sono le cause dell'esofagite eosinofila?

Non sappiamo esattamente cosa causi l'EOE, ma si pensa che sia una risposta immunitaria a specifici allergeni alimentari, spesso ma non sempre latte, grano, noci, soia, pesce e uova. È anche possibile che sia innescato da qualcosa che respiriamo e potrebbe esserci anche una componente genetica.

Quali sono i sintomi?

I sintomi dell'EOE variano da persona a persona, ma anche a seconda della loro età.

Neonati e bambini piccoli

  • Problemi di alimentazione, ad es. Rifiuto di mangiare o "alimentazione pignola"
  • Vomito e / o rigurgito
  • Scarsa crescita e aumento di peso ('mancanza di crescita')
  • Reflusso gastroesofageo (GER), ovvero quando il contenuto dello stomaco risale nell'esofago. Con l'EOE, i sintomi del GER di solito non scompaiono con i farmaci.

Bambini più grandi

  • vomito
  • Dolore addominale e / o toracico
  • Difficoltà a deglutire ("disfagia"), soprattutto con cibi solidi
  • GER che di solito non migliora con i farmaci
  • Scarso appetito

Adulti

  • Difficoltà a deglutire, soprattutto con cibi solidi
  • Cibo bloccato nell'esofago
  • GER che di solito non migliora con i farmaci
  • Bruciore di stomaco
  • Dolore al petto

A tutte le età, i sintomi possono portare a disturbi del sonno.

La disfagia può avere la sensazione che il cibo che hai ingerito si stia muovendo verso lo stomaco troppo lentamente o si attacchi a metà del tuo petto. Questo potrebbe accadere ogni volta che deglutisci o solo occasionalmente. Alcune persone provano una lieve sensazione di "blocco", ma per altri può variare da spiacevole a grave e angosciante. Ci può essere o meno dolore con la sensazione.

Di tanto in tanto il cibo rimane completamente bloccato nell'esofagite - questo è chiamato "ostruzione del bolo alimentare" ed è un'emergenza medica.

Se pensi di avere l'EOE, dovresti discutere i sintomi con il tuo medico di famiglia.

Come viene diagnosticata l'esofagite eosinofila?

Prima di fare una diagnosi, il medico ti chiederà quali sono i tuoi sintomi, la tua storia clinica e se tu oi tuoi familiari avete allergie. Il medico potrebbe indirizzarti a uno specialista per ulteriori indagini.

Vorranno anche escludere altre possibili condizioni che potrebbero causare i tuoi sintomi, come:

  • Malattia gastro-esofagea (GERD)
  • Morbo di Crohn esofageo
  • Infezione (fungina / virale)
  • Una malattia autoimmune
  • Altre rare cause di eosinofilia.

GERD è la diagnosi alternativa più comune. Molte persone inizialmente diagnosticate con GERD sono state successivamente trovate per avere invece EOE.

Tuttavia, l'unico modo per confermare una diagnosi di EOE è indagare mediante endoscopia. Questo è quando un tubo flessibile con una minuscola telecamera a un'estremità viene fatto passare attraverso la bocca e la gola nell'esofago per visualizzare il rivestimento interno della parete dell'esofago. Allo stesso tempo, il medico preleverà piccoli campioni di tessuto (biopsie) del rivestimento. I campioni bioptici vengono esaminati al microscopio ad alta potenza per contare il numero di eosinofili presenti. Più di 15 eosinofili per vista al microscopio confermeranno la diagnosi.

Come viene trattata l'esofagite eosinofila?

Esistono due tipi principali di trattamento: terapia farmacologica e gestione della dieta. Le opzioni farmacologiche sono:

  • Corticosteroidi - per ridurre l'infiammazione. Di solito si tratta di preparazioni liquide topiche che ingerisci.
  • Un inibitore della pompa protonica - per alleviare i sintomi della GER e ridurre l'infiammazione.

I trattamenti dietetici includono il taglio di cibi che potrebbero scatenare i sintomi dalla tua dieta. Loro includono:

  • Dieta di eliminazione: smetti di mangiare e bere determinati cibi che comunemente causano allergie, come latticini, grano, uova, soia, pesce e crostacei, arachidi e noci. Dopo diverse settimane, se i sintomi scompaiono, puoi reintrodurre gli alimenti uno alla volta
  • Dieta elementare: elimini tutte le proteine ​​e bevi invece una formula di amminoacidi. Se i sintomi scompaiono, reintroduci diversi cibi e bevande proteiche uno alla volta
  • Dieta diretta ai test allergologici: prima devi avere un test allergologico per scoprire a quali cibi e bevande sei allergico. Puoi quindi tagliarli dalla tua dieta per vedere se i sintomi dell'esofagite migliorano.

La gestione alimentare può essere un'alternativa efficace alla terapia farmacologica, ma non è adatta a tutti, poiché significa attenersi a rigide regole di assunzione di cibo per lunghi periodi mentre si interrompe e si reintroduce gli alimenti nella propria dieta.

La maggior parte delle persone con EOE risponde bene al trattamento farmacologico o alla terapia dietetica. Tuttavia, se queste opzioni di trattamento non aiutano a sufficienza e il tuo esofago è ristretto, ti potrebbe essere offerta una procedura chiamata dilatazione esofagea endoscopica. Questo allunga l'esofago per allargarlo, quindi diventa più facile da deglutire.

Se pensi di avere l'EOE, dovresti cercare assistenza medica.

 

FONTI

AAAAI 2020. Esofagite eosinofila (EOE). Accademia americana di allergia, asma e immunologia. https://www.aaaai.org/conditions-and-treatments/related-conditions/eosinophilic-esophagitis

APFED. nd. EOE. Partnership americana per i disturbi eosinofili. https://apfed.org/about-ead/egids/eoe/

Dellon ES, Liacouras CA, Molina-Infante J et al. 2018. Criteri diagnostici di consenso internazionale aggiornati per l'esofagite eosinofila: Atti della conferenza AGREE. Gastroenterologia 155: 1022-1033.e10. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30009819/

Epstein J 2021. Esofagite eosinofila. Sommario. Best Practice BMJ. https://bestpractice.bmj.com/topics/en-gb/1304

Guts UK! nd. Malattie eosinofile. https://gutscharity.org.uk/advice-and-information/conditions/eosinophilic-diseases/#section-1

Hirano I, Chan ES, Rank MA et al. 2020. AGA Institute e Joint Task Force on Allergy-Immunology Practice Parameters Clinical Guidelines for the Management of Eosinophilic Esophagitis. Gastroenterologia 158: 1776–1786. https://www.gastrojournal.org/action/showPdf?pii=S0016-5085%2820%2930265-1

Medline Plus 2020. Esofagite eosinofila. https://medlineplus.gov/eosinophilicesophagitis.html

NORD / ME Rothenberg 2019. Esofagite eosinofila. Organizzazione nazionale per i disturbi rari. https://rarediseases.org/rare-diseases/eosinophilic-esophagitis/#:~:text=Eosinophilic%20esophagitis%20(EoE)%20is%20a,the%20mouth%20to%20the%20stomach

Surdea-Blaga T, Popovici E, Fadgyas Stănculete M, Dumitrascu DL, Scarpignato C. 2020. Esofagite eosinofila: diagnosi e gestione corrente. J Gastrointestin Fegato Dis 29: 85-97. https://www.jgld.ro/jgld/index.php/jgld/article/view/768/336